English

  E-mail

Scarica gratis la guida di Pompei Sepolta, comoda da consultare, da stampare e portare con sé durante la visita - Italiano/Inglese

 

 

Libri, cd-rom, cd-audio, dvd, vhs.

In collaborazione con

 


Previsioni meteo

 


 

Zona dei Teatri e Foro Triangolare

 

 

Sul Foro Triangolare (che prende il nome dalla sua forma geometrica) si trovano i resti del sacello più antico, un tempio italico in stile dorico del VI sec. a.C., che ha subito diverse trasformazioni. L’ingresso era dalla Via dei Teatri, dove un vestibolo a sei colonne ioniche ne costituiva la facciata monumentale. Fu costruito come il Foro Civile nel II secolo a.C.. Il porticato interno, di 95 colonne doriche, circonda l’area del tempio arcaico con colonne in calcare. In origine era consacrato ad Ercole, più tardi ad Atena (Minerva). 

 

Crollò, probabilmente nel II sec. a.C., per corrosione del pendio meridionale di Pompei. Le rovine del tempio e la fonte sacra – alla quale successivamente, in epoca sillana, venne aggiunto anche un heroon – vennero cinte in epoca sannitica con un portico dorico di tufo, che veniva utilizzato per attività sportive e ricreative.

Già nel III sec. a.C. accanto al Foro Triangolare venne costruito, nella cavità del pendio, un primo teatro greco e, in epoca sillana, ne venne costruito un secondo, coperto. Il Teatro Grande venne completamente ricostruito nel II sec. a.C. nello stile del periodo tufaceo. Sul lato di questo teatro c’era un grande portico di tufo che serviva da ridotto per gli spettatori.

 

Dopo il terremoto del 62 d.C. il peristilio del teatro venne trasformato in una scuola per gladiatori, con campo di esercitazioni. Sempre in età sannitica esistevano una palestra, un sacello di Iside e un piccolo tempio di Zeus. Dopo il 62 d.C. la palestra venne ridotta a vantaggio del ricostruito Tempio di Iside.

Newsletter

Viaggi Italiani

 

E-mail

Iscriviti

Cancellati

 


Corsi on line

 



Powered by