English

  E-mail

Scarica gratis la guida di Pompei Sepolta, comoda da consultare, da stampare e portare con sé durante la visita - Italiano/Inglese

 

 

Libri, cd-rom, cd-audio, dvd, vhs.

In collaborazione con

 


Previsioni meteo

 


 

Regio VIII

Tempio di Giove Melichio

 

L’identificazione tradizionale si deve ad una iscrizione in osco posta presso la Porta di Stabia, dove viene citato il santuario di Giove Melichio, “dolce come il miele” ovvero “benevolo”. Il culto, di tipo greco e attestato in Sicilia, risale all’epoca in cui Pompei faceva parte culturalmente della Magna Grecia.

 

Il piccolo santuario è costituito da un portico sul cui fondo è posta una cella su di un podio, di tipo italico, con una scalinata. Dinanzi è posto un grande altare di tufo. La cella presenta quattro colonne corinzie sul fronte. Vi si rinvennero tre statue in terracotta  ed un busto nelle quali si riconoscono Giove, Giunone e Minerva. Si suppose pertanto che vi fosse stato trasferito anche il culto della Triade Capitolina, in  attesa della fine dei restauri del Tempio di Giove sul Foro, danneggiato dal terremoto del 62 d.C.. Recentemente vi si è riconosciuto un Tempio di Asclepio ed Igea. In tal caso l’iscrizione osca farebbe riferimento ad un santuario di Giove Melichio posto oltre la Porta di Stabia, alla periferia della città.

 

Porta Marina | Villa Imperiale

Antiquarium | Tempio di Venere Pompeiana

Basilica | Curie

Comitium | Tempio Dorico

Caserma dei Gladiatori | Teatro Piccolo

Teatro Grande | Palestra Sannitica

Tempio di Iside | Tempio di Giove Melichio

Tempio di Mefite

Casa di Cornelio Rufo | Via dell'Abbondanza

Via Marina | Via dei Teatri

Via del Tempio di Iside

Newsletter

Viaggi Italiani

 

E-mail

Iscriviti

Cancellati

 


Corsi on line

 



Powered by